lunedì 6 settembre 2010

L'invidia è una brutta bestia

Mi ero ripromessa di non guardare X-Factor quest'anno, provini compresi. Le cover proposte dai ragazzi sono spesso molto ben arraggiate, ma si tratta pur sempre un reality, sebbene in modo minore di altri programmi analoghi, troppo incentrato sulla crazione di un personaggio, sul "caso umano". Il vincitore (di cui viene spesso sottolineato quanto era umile e banale la sua condizione prima di vivere il sogno) è una moderna cenerentola buttata nel mondo della musca con pochissimi anni di gavetta alle spalle, non mi stupisco affatto che, passato un anno, si faccia fatica a ricordarne il nome.

Tuttavia si è fatto un gran parlare di alcuni dei provini e per curiosità li ho guardati su youtube. Non voglio parlare dei concerrenti come ho fatto in un post precedente, ma delle numerose critiche ad Anna Tatangelo, accusata di dovere il suo successo non a meriti personali, quanto alla sua relaione con Gigi D'Alessio. Vedendo che molti nei commenti su facebook e su youtube condividono questa opinione, mi domando: ne siete proprio sicuri?

Di lei si sa che vinse San Remo Giovani nel 2002 quando era appena una ragazzina (aveva 15 anni) e ancora non conosceva D'Alessio, che iniziò a frequentare in seguito, sempre molto giovane. Chi vi assicura che, se non avesse conosciuto il cantante, non avrebbe avuto successo comunque? Qualche altro produttore l'avrebbe notata. Le canzoncine pop smielate e buoniste in Italia piacciono assai, specie se cantate da "una bella guagliona". Del resto se vende dischi e fa concerti è perchè ha un pubblico...e qui ci sarebbe molto da ridire sui gusti musicali dell'italiano medio.

Ma forse costa più ammettere di non condividere il giudizio, spesso discutibile, di 4 persone, salutare cordialmente e continuare per la propria strada certi che il proprio talento verrà riconosciuto in altra sede, che insultare una persona facilmente attaccabile solo per far parlare di sè, mal celando un bel po' d'invidia!

Foto presa da: http://harveysmuse.com/
p.s. Dopo averne discusso con una delle mie poche lettrici, mi sono resa conto che quanto ho scritto sopra può essere fraintendibile. Sia chiaro, non mi piace la Tatangelo, nel caso fosse davvero andata avanti per raccomandazioni ancora peggio. Tuttavia bisogna prendere atto che se è ancora famosa dopo anni, se vende dischi, è perchè qualcuno l'ascolta - evidentemente i gusti della maggior parte degli italiani non combaciano coi miei! Non basta la raccomandazione per durare nel mondo della musica e della tv, bisogna anche saper giocare bene le proprie carte. Chi l'ha insultata forse non avrebbe detto nulla se avesse passato il provino, uscire con quelle battute gratuite è solo un modo di far parlare di sè. Non è un atteggimento tanto diverso da quello della persona che criticano e sono sicura che non si farebbero scrupoli a tentare scorciatoie discutibili se ne avessero la possibilità. I veri artisti non si abbassano a questi livelli e non hanno certo bisogno di X-Factor!